Concorsi
 
 

Nuovo Parco Urbano di Bagnoli
Napoli, Italia, 2005
con David Chipperfield Architects

 

presenza dell’acqua e dalla vegetazione lacustre.
La transizione fra il bordo e il centro è graduale, il passaggio è sfumato e si svolge attraverso un’area dove la forma è articolata, la densità è variata, il trattamento della superficie è composito.
La profondità dei layers costituisce un luogo – o meglio un sistema articolato di luoghi – dove la condizione naturale del paesaggio definita sia dalla forma, dalla densità e dallo spessore dell’architettura vegetale che dalla natura del suolo, si integra con il sistema dei percorsi pedonali e ciclabili, dei percorsi di tipo ludico-sportivo, della viabilità di servizio.
Lungo questa successione di layers il verde si sviluppa con una successione di fisionomie, chiaramente riconoscibili – perfettamente aderenti ai caratteri ambientali del sito - che vanno dalle specie annuali

<<
>>